Close

PETRA RESKI

Per quanto riguarda il No-Berlusconi Day, io ho un particolare interesse personale: Spero che arriverà presto il giorno in cui non devo più spiegare ai tedeschi perchè Berlusconi viene sempre rieletto.



© Copyright 2021 – Informazioni sul copyright

Tutti i contenuti di questo sito Web, in particolare testi, fotografie e grafica, sono protetti da copyright. Se non diversamente specificato, il copyright è di Petra Reski. Vi prego di contattarmi se si desidera utilizzare il contenuto di questo sito Web. Chiunque violi la legge sul copyright (ad es. Immagini o testi copiati senza autorizzazione) è punibile secondo la Legge 22.04.1941 n. 6338 e L’art. 185 Legge sul diritto d’autore.

Leave a comment

  • avatar image
    Roberto62
    11. Dezember 2009

    Se Spatuzza e i Graviano parlano, è per mandare a casa Berlusconi a causa delle promesse fatte non mantenute. Ma essendo stato eletto con ampio consenso (anche se a causa di una legge scellerata), lo scioglimento delle Camere per elezioni anticipate è pressocchè impossibile. Praticamente vi sarà una persona che è già stata individuata da questi gruppi di potere per mantenere le “promesse” fatte a suo tempo. Non sarà uno con “evidenti precedenti penali” perchè a quel punto diventerebbe ingestibile per le stesse persone che lo “promuovono”. Potrebbe essere uno come Schifani, Berruti o Alfano, se dovessi tirare un nome…

  • avatar image
    silvano m.
    9. Dezember 2009

    Cara Petra,
    spero che insieme a Berlusconi non siano rieletti anche quelli che stanno attorno a lui, es. Gasparri, Lupi, D’Alema, Fassino, Cicchitto, Bondi etc…..
    Se tutto questo schifo sparisce dalla politica allora l’Italia può ricominciare d’accapo.

  • avatar image
    Werner Roskosch
    7. Dezember 2009

    Silvio Berlusconi è un maestro nel mettere in scena se stesso e nell’autoreferenziarsi e la rete da lui tessuta nel corso di decenni funziona (ha funzionato) fino ad ora in modo quasi perfetto. Non conosco nessun altro capo di stato che sappia mescolare così ad arte politica e affari imprenditoriali. La sua doppiezza fa in modo che lui riesca sempre a cavarsela scivolando da tutte le mani.
    L’opposizione politica, ingessata e frammentata, è impotente e inefficace.
    Ma il cerchio si chiude, anche se lentamente. Traballa e – speriamo !!! – viene messo quantomento in discussione se lui, con l’aiuto del suo impero dei media, possa ancora una volta riuscire a menar per il naso la sua popolazione. Una popolazione che è stata ed è tuttora sottoposta di continuo alla sua politica da clown, poichè egli evidentemente impersona qualcosa che piace. Molte persone in fondo si riconoscono e si ritrovano spesso bene nella sua figura.
    Rimane la speranza che il piccolo smottamento diventi una slavina, dalla quale lui stesso, una volta per tutte, non possa più liberarsi.
    Sarebbe da augurare tanto a tutto il paese!

  • avatar image
    massimo
    7. Dezember 2009

    petra io lo spiegherei pure a molti italiani. non voglio generalizzare ma solitamene il votante medio del cavaliere ha una cultura medio-bassa ed un reddito medio-alto. poi ci sono pure quelli che con reddito medio-basso e cultura medio-bassa. impossibile trovare votanti con cultura medio-alta e reddito medio-basso

  • avatar image
    Roberto62
    6. Dezember 2009

    Signora Reski, le voglio fare una domanda: a me hanno sempre incuriosito le assidue frequentazioni del (sic) nostro premier con la Russia. Putin là comanda con mano di ferro e gli “oligarchi” russi sono i veri detentori del potere là. Alcuni di questi fanno parte anche della “mafia russa”. Dati gli “accostamenti” che recentemente si sono fatti tra il premier e la mafia, è possibile che mister B. abbia scientemente agevolato i rapporti tra criminalità organizzata italiana e mafia russa?

  • avatar image
    Salvatore Romano
    5. Dezember 2009

    Cara Petra,
    spero che quel giorno sia dietro l’angolo!
    E spero anche che si possa tornare a sentire…….”la bellezza del fresco profumo di libertà che si oppone al puzzo del compromesso morale, della indifferenza, della contiguità e quindi della complicità”.(Paolo Borsellino)

Your name
Your email address
Website URL
Comment