Close

PETRA RESKI

Non capisco

Non capisco perchè non ci sono manifestazioni contro B. in questo momento, niente popolo viola, niente studenti, niente di niente. Tutti sembrano accontentarsi di una tiepida protesta del Vaticano. Forse mi sfugge qualcosa.



© Copyright 2021 – Informazioni sul copyright

Tutti i contenuti di questo sito Web, in particolare testi, fotografie e grafica, sono protetti da copyright. Se non diversamente specificato, il copyright è di Petra Reski. Vi prego di contattarmi se si desidera utilizzare il contenuto di questo sito Web. Chiunque violi la legge sul copyright (ad es. Immagini o testi copiati senza autorizzazione) è punibile secondo la Legge 22.04.1941 n. 6338 e L’art. 185 Legge sul diritto d’autore.

Leave a comment

  • avatar image
    Alessandro Ogheri
    14. Februar 2011

    http://www.ilfattoquotidiano.it

    Manifestazione delle donne di ieri: almeno 1000 000 di persone evidentemente non sono come ci vedono tutti al di là delle alpi: qualcuno ancora non mafioso c’è a sud delle alpi…

    vediamo se questo commento viene freigeschaltet o no, però…

  • avatar image
    Alessandro Ogheri
    25. Januar 2011

    Forse lei ha ragione, Antenor, peró se tutti lottiamo contro un mafioso come Berlusconi o Dell Utri o Cuffaro (Evviva: almeno quest ultimo lo hanno messo in glaera, alla fine!!), le condizioni di vita di tutti noi miglioreranno in futuro!

  • avatar image
    Antenor
    24. Januar 2011

    Gentile Petra,

    capisco la sua provocazione, che ha il nobile intento di scuotere le coscienze, non ne voglio però fare una grave colpa ai miei concittadini, è tale e tanta la disperazione per il proprio futuro che per sta accompagnando l’italiano medio che Berlusconi, che ne è una delle cause principali, viene visto solo come problema secondario.
    “Se devo occuparmi di dare da mangiare a mio figlio, se devo pensare che non avrò più le minime garanzie contrattuali perché Marchionne mi demolisce i contratti nazionali, se mio figlio non avrà più possibilità di studiare vivendo, di fatto, peggio dei propri genitori, le vicissitudini del premier passano in secondo piano”.
    Mi capisca, IO sono convinto che demolire Berlusconi e con lui la classe politica, debba essere invece una delle priorità, ma quanto ho scritto è quanto pensano o provano gli italiano medi. I politici sono ben contenti che le condizioni di vita peggiorino, una persona affamata e insicura è molto più disposta ad accettare quanto si decide per lui senza fiatare.

  • avatar image
    paola
    21. Januar 2011

    http://www.facebook.com/claudio.pozzati1#!/event.php?eid=161165217262781&index=1

    Gentile Petra, non è vero che non si è più fatto nulla, anzi.
    io come rappresentante del popolo viola milano, posso assicurarle che insieme ad altri gruppi quali “adesso Basta” Qui Milano Libera” ecc ecc.. siamo costantemente in piazza a protestare e a creare iniziative atte a sensibilizzare l’opinione pubblica. Sopra il link su facebook dell’ultimo evento che è durato ben 4 serate (durante il quale hanno partecipato importanti personaggi politici, di gruppi antimafia, fiom, immigrati, scuola ecc) e che, come può immaginare, ci ha tenuti impegnati all’inverosimile, rubandoci il giusto sonno, pasti, soldi, affetti ecc.. ma il problema è che nessuno dei media (testate o tv) mai parla di queste iniziative, Nell’ultimo evento grazie a loris mazzetti e a Resnati di Rai 3, qualche accenno ne è stato dato, ma neppure radio popolare -a cui abbiamo versato la somma per la pubblictà- si è degnata di parlarne se non alle 18.30 dell’ultima sera.. ormai tardi e dopo nostra indiganzione..
    Ecco questa è un’altra faccia della nostra bell’Italia.. noi non ci fermeremo, ma è sappiamo quanto dover lavorare per le briciole.. sappiamo che ruba più spazio e interesse una escort rispetto a qualsiasi grossa iniziativa di onesti cittadini.
    cordialmente, paola (popolo viola milano)

    • avatar image
      reski
      21. Januar 2011

      Cara Paola, è stata una provocazione da parte mia, capisco la vostra frustrazione! Spero nonostante che in qualche maniera, l’indignazione crescera! Un caro saluto, Petra Reski

Your name
Your email address
Website URL
Comment