Close

PETRA RESKI

Qualche anno fa, ho avuto l’idea di diventare italiana. O meglio: mezzo italiana. Perché voglio mantenere la mia cittadinanza tedesca. Pensavo che come cittadino dell’UE sposata con un cittadino italiano, la cittadinanza italiana sarebbe stata praticamente, no, non mi sarebbe stata buttata addosso, ma più o meno automaticamente concessa. Ok, si tratterebbe di nuovo di presentare alcuni documenti, certo. Ma chi, come me, è riuscito a superare gli ostacoli burocratici per il nostro matrimonio sotto forma di certificati di idoneità al matrimonio ufficialmente tradotti e autenticati, certificati di nascita, certificati di residenza dell’ufficio di registrazione e un funzionario del dipartimento amministrativo del distretto di Monaco armato di protezioni per le maniche, tende ad essere un po‘ troppo sicuro di sé.

Per me, la questione della cittadinanza è (o meglio era?) quella di poter votare in Italia. E non solo nelle elezioni comunali, ma anche nelle elezioni parlamentari. La sola partecipazione alle elezioni del sindaco è un enorme impegno burocratico, perché i cittadini dell’UE non ricevono automaticamente una notifica di voto, ma devono essere registrati nel registro elettorale entro una certa data. 

Ad essere onesti, non avevo mai sentito il desiderio di votare in Italia prima del 2013, perché fino ad allora il parlamento italiano era essenzialmente determinato dagli archeopteryx: Per esempio, dal senatore a vita Giulio Andreotti (condannato per concorso esterno alla mafia, coinvolto in 33 governi, sette dei quali come primo ministro, morto all’età di 94 anni), dal senatore 96enne ed ex presidente dello Stato Giorgio Napolitano (membro del parlamento italiano dal 1953 che mi ha fornito l’ispirazione per il mio romanzo „Palermo Connection“ a causa del suo coinvolgimento nella trattativa tra lo Stato italiano e la mafia) o da Silvio Berlusconi (oggi 85 anni, in parlamento dal 1994, condannato per evasione fiscale e salvato da condanne per legami con la mafia, corruzione di giudici, falsificazione di bilanci, società offshore e logge segrete da 40 leggi ad personam, prescrizioni e amnistie. Attualmente è sotto inchiesta per presunta complicità nelle stragi di Falcone e Borsellino, e allo stesso tempo spera di diventare il prossimo presidente).

Nel 2013, il partito Cinque Stelle ha corso per la prima volta alle elezioni, il che è stato rivoluzionario quanto l’ingresso dei Verdi nel parlamento tedesco. Fino ad allora, le elezioni in Italia erano emozionanti come nella DDR ai tempi di Honecker: Berlusconi ha vinto. E se, per una volta, non ha vinto, si è comprato qualche deputato per far cadere il governo poco dopo.

Cosa mi ha dato speranza: La domanda di cittadinanza italiana doveva essere fatta online, o più precisamente: „trasmessa telematicamente“. Che praticità, ho pensato, che modernità! (Ok, la pagina del Ministero dell’Interno italiano non era proprio intuitiva, ci vogliono non solo gli occhiali ma anche una certa dimestichezza con il funzionalese). Umberto Eco ha descritto molto bene in „Come sostituire una patente persa“ che nei meandri della burocrazia italiana non si può ottenere una patente persa senza „l’intervento di un personaggio più altolocato“ e io, che occasionalmente litigo con i funzionari delle poste italiane, ho apprezzato che mi sarebbe stata risparmiata la ricerca di un „personaggio più altolocato“ grazie alla registrazione online. Fiduciosa, mi accinsi all’impresa della „cittadinanza italiana“, anche se la frase „trasmissione telematica“ mi preoccupava un po‘ perché mi ricordava il mago Catweazle, che aveva paura di cose moderne come le cornette del telefono, che chiamava „ossa magiche“.

Ho ottenuto copie di carte d’identità, un estratto del certificato del casellario giudiziale, una copia del certificato di nascita, una del certificato di matrimonio, il tutto tradotto e certificato da un traduttore ufficiale. (Naturalmente, tutto doveva essere ritradotto e autenticato, non che avrei potuto usare i documenti già tradotti e autenticati per il nostro matrimonio. Questo è il massimo che si può fare). Ho pagato 250 euro sul conto postale del Ministero dell’Interno, ho ricevuto un certificato di ricevuta di pagamento – e non ho saputo più nulla.

Nel frattempo, i Cinque Stelle erano entrati nel Parlamento italiano e avevano fatto discorsi meravigliosi, finalmente erano state dette cose attese da tempo: „Signor Presidente, onorevoli colleghi, si chiude, oggi, impietosamente, una «storia italiana», segnata dal fallimento politico, dall’imbarbarimento morale, etico e civile della Nazione e da una pesantissima storia criminale. Storie che si intrecciano, maledettamente, ai danni di un Paese sfinito e che riconducono ad un preciso soggetto, con un preciso nome e cognome: Silvio Berlusconi. La sua lunga e folgorante carriera l’abbiamo già ricordata in passato: un percorso umano e politico costellato di contatti e rapporti mai veramente chiariti, che passano per società occulte, P2, corruzione in atti giudiziari, corruzione semplice, concussione, falsa testimonianza, finanziamento illecito, falso in bilancio, frode fiscale, corruzione di senatori, induzione alla prostituzione, sfruttamento della prostituzione e prostituzione minorile. Insomma un delinquente abituale, recidivo e dedito al crimine, anche organizzato, visti i suoi sodali. Ideatore, organizzatore e utilizzatore finale dei reati da lui commessi.“

Questo è ciò che Paola Taverna, senatrice cinque stelle, aveva detto nel suo grandioso discorso dopo che la commissione immunità del Senato italiano aveva votato nel 2013 per la decadenza dell’ex primo ministro Berlusconi dal Senato a causa della sua fedina penale. E, chi non voterebbe per lei dopo un discorso del genere! La storia va avanti, mi sono detta, e mentre le elezioni del 2018 incombevano, mi sono ricordata che la mia domanda di cittadinanza italiana era già da due anni in letargo negli algoritmi del Ministero dell’Interno italiano. Ho inserito i miei dati e mi è stata detto che la mia „pratica“ non esisteva.

Dopo essermi scontrata con un „help desk“ (gli italiani raramente parlano bene l’inglese, ma amano le espressioni inglesi), e con le elezioni alle porte, ho fatto quello che tutti gli italiani (che se lo possono permettere!) fanno in una situazione simile: Ho contattato un avvocatessa – che mi ha informato che il mio processo non esisteva più, ma che era fiduciosa che presto avremmo finito tutta la faccenda. Ancora una volta abbiamo caricato dei documenti, ancora una volta ho ottenuto dei documenti apostillati perché quelli che avevo presentato erano già troppo vecchi – ed ero fiducioso perché l’avvocatessa, la dottoressa – ci rivolgiamo sempre con i nostri titoli accademici, buongiorno dottoressa – aveva anche depositato di sua mano la mia pratica nella prefettura veneziana: La trasmissione telematica va bene, ma non c’è niente di meglio di documenti correttamente depositati e bollati.

Alle elezioni del 2018, naturalmente, non ho ancora potuto esprimere il mio voto, ma i Cinque Stelle sono entrati nel Parlamento italiano come la fazione più forte anche senza il mio voto. Tuttavia, il mio entusiasmo per il Movimento Cinque Stelle cominciava a vacillare, non solo a causa della coalizione con la Lega, ma anche perché ho visto come non hanno mantenuto molte delle loro promesse elettorali, soprattutto sulla protezione dell’ambiente e sui le grandi opere. E mentre il mio entusiasmo si raffreddava, il mio impegno per la cittadinanza italiana lasciava il posto a un certo fatalismo: o funziona, o non funziona.

Nel 2019, però, ho avuto una ricaduta, perché a novembre 2019 si avvicinava il referendum sull’autonomia di Venezia, al quale noi cittadini comunitari a Venezia non potevamo partecipare, anche se in realtà era una questione comunale, li ho sollecitati a fare qualcosa, tanto più che la dottoressa mi aveva promesso, in quanto moglie di un cittadino italiano, una gestione preferenziale e anche più veloce della mia pratica, perché non sarebbe stato il Ministero dell’Interno ma la Prefettura di Venezia a decidere sulla mia richiesta di cittadinanza italiana. Ma niente: Il referendum sull’autonomia è andato vittoriosamente anche senza il mio voto, ma è stato dichiarato non valido dalla Regione Veneto poco dopo.

Nel 2020, un altro anno era passato senza alcun movimento. Nel frattempo, il virus aveva colpito anche il Ministero dell’Interno italiano, motivo per cui il periodo di attesa per la cittadinanza italiana non è più di due anni, come mi ha detto la dottoressa, ma di quattro.

Dio, sì, due, tre o quattro anni non hanno più importanza, mi sono detta. Nel frattempo i Cinque Stelle si erano separati dalla terribile Lega – il premier Conte aveva rimproverato Salvini come uno scolaretto in un grande discorso: ”Caro Ministro dell’interno, caro Matteo, promuovendo questa crisi di Governo ti sei assunto una grande responsabilità di fronte al Paese. L’hai annunciata chiedendo pieni poteri per governare il Paese e, ancora di recente, ti ho sentito invocare le piazze al tuo sostegno: questa tua concezione, permetti di dirlo, mi preoccupa.” e ora stavano governando con il Partito Democratico. Ma sempre più spesso mi irritava il fatto che i deputati dei Cinque Stelle, che avevo ancora conosciuto come attivisti barbuti a qualche manifestazione, si presentavano sempre più spesso nei salotti romani con la coppa di champagne in mano.

La speranza si è però accesa quando la dottoressa mi ha scritto: „Tuttavia, la prefettura non ha ancora ricevuto dalla Questura il rapporto informativo sui controlli telematici. Nel momento in cui verrà inviato tale rapporto informativo, verrà anche inoltrata al posto di Polizia o dei Carabinieri più vicino alla sua abitazione la richiesta di colloquio e a quel punto verrà contattata dalle forze dell’ordine che potrebbero chiamarla o presentarsi direttamente presso la sua abitazione per invitarla al colloquio. La invito comunque a visitare con frequenza il suo portale telematico.

Ho provato a fare proprio questo, „pratica non disponibile“, mi è stato detto telematicamente. Anche la dottoressa era in difficoltà: „Ho parlato con l’ufficio della cittadinanza della prefettura questa mattina. Hanno confermato di nuovo che il dossier sta passando attraverso la normale procedura e che riceverete informazioni dagli uffici competenti in risposta alle vostre richieste. Tuttavia, hanno descritto il loro processo come un dossier „attuale“ con una scadenza nel 2022 e non possono garantire che sarà chiuso prima. Forse il sistema telematico del Ministero sarà migliorato l’anno prossimo per facilitare la consultazione. In ogni caso, continuate a controllare il portale per nuove informazioni“.

Dopo di che, ho messo da parte la questione. Tanto più che i Cinque Stelle sono ora al governo con tutti gli archeopteryx e altri malfattori che hanno sempre criticato, non solo Silvio Berlusconi, ma anche la Lega, con Matteo Renzi, che ha fatto cadere il governo Conte, con ministri di Forza Italia come Brunetta, la cui moglie ha diffamato i politici tramite un falso account Twitter, o Mariastella Gelmini, le cui riforme hanno rovinato le scuole e le università italiane, motivo per cui mezza Italia è scesa in piazza contro di lei. Di conseguenza, il governo Draghi è descritto dal presidente come „dei migliori“. I Cinque Stelle hanno giustificato la loro partecipazione dicendo che volevano controllare il governo „dall’interno“ perché l’improvvisa unità „per il bene dell’Italia“ derivava principalmente dai circa 191 miliardi di euro del fondo di ricostruzione dell’UE. Tuttavia, il „controllo dall’interno“ si è rivelato finora nulla, visto che quasi tutte le leggi e le riforme approvate dai cinque stelle sono state cancellate e la loro riforma giudiziaria è stata sostituita da un’altra riforma giudiziaria così spudorata che nemmeno Berlusconi avrebbe mai osato. Di conseguenza, l’affluenza alle ultime elezioni locali in Italia è stata più bassa che mai, soprattutto i potenziali elettori dei Cinque Stelle sono rimasti a casa.

Mi ero quasi dimenticata della mia domanda di cittadinanza se la dottoressa non mi avesse ricordato qualche settimana fa che avevo trascurato di creare un’identità digitale, detta in breve: SPID, e che senza di esso sarebbe impossibile andare avanti con la mia domanda di cittadinanza italiana perché dovrei inserire un numero per la mia pratica: „Rimanendo in attesa di cortese conferma della lettura della presente, porgo cordiali saluti.”

Non ci sono voluti tre giorni, poi ho avuto lo SPID (un acronimo che non a caso suona come gli italiani pronuncerebbero la parola speed). E solo una volta ho litigato molto brevemente con un impiegato delle poste (i certificati SPID sono rilasciati dalle poste o dalle banche) nel processo. Il veneziano al mio fianco era pieno di ammirazione. Il suo SPID ha richiesto un intero ufficio per ottenerlo, e ci sono voluti più di tre giorni.

Così armata, ho cercato di accedere al mio account al Ministero degli Interni. E ci sono riuscito davvero, il codice QR dell’app SPID di Poste Italiane è stato accettato senza problemi. Ora non ci sarebbero più barriere per me e la mia nazionalità italiana. Mi vedevo già al giuramento in prefettura.

Ho cercato di inserire il codice mancante per la mia pratica. „Attenzione, non c’è nessuna pratica che corrisponde ai parametri inseriti“, mi è stato detto, telematicamente. Come può essere, maledizione? Telefonate disperate, anche arrabbiate, alla dottoressa, che mi ha detto che la mia pratica non poteva essere andata persa perché era nella prefettura di Venezia, quindi mi ha consigliato di contattare l’help desk. Ma lavorano solo fino alle 18. Anche questo è strano, ho pensato. O ci dovrebbe essere davvero una persona in carne e ossa dietro l’help desk che chiude lo sportello alle 6 del pomeriggio, come l’ufficio postale veneziano?

Non ci sono voluti due giorni per avere una risposta dall’help desk sul perché il mio processo fosse perso e lì allo stesso tempo: „Gentile utente, sui nostri sistemi il Suo cognome risulta senza trattino mentre sui Suoi documenti con il trattino. Per allineare i dati anagrafici è necessario trasmettere alla Prefettura competente l‘ autocertificazione che le inviamo in allegato debitamente compilata e sottoscritta. Per le modalità di consegna La preghiamo di rivolgersi alla Prefettura di riferimento. Quando i dati anagrafici verranno allineati riceverà una comunicazione a questo stesso indirizzo di posta elettronica. Saluti“

Quindi la mia domanda per la cittadinanza italiana è quasi fallita perché è stato cancellato un trattino. Non ci credereste mai.

Per ragioni romantiche, da quando mi sono sposata, ho un doppio nome con trattino. E anche se questo trattino è registrato sulla mia carta d’identità italiana, il Ministero dell’Interno lo ha cancellato. Proprio così. Credo che il sistema informatico delle autorità italiane risalga al 1938 circa, quando furono inventati i primi computer elettronici per il calcolo delle traiettorie, e allora non era previsto il trattino per i nomi e i motivi romantici.

„Non ci crederai“, dico al veneziano, „non esisto nel Ministero dell’Interno italiano perché ho un trattino nel nome“. E lui pensava che avesse perfettamente senso. „Sì, giusto, non ci sono doppi nomi con trattino in Italia“. Questo mi ha scioccato di più: Che pensa che tutta questa follia sia normale.

„Ma forse c’è anche un mondo fuori dall’Italia dove questo trattino è normale“, ho detto, dopo tutto avevo letto di un compagno di destino, un italiano che vive in Francia, a cui era stato negato il passaporto italiano della figlia con un trattino nel doppio nome. Lui non aveva capitolato, ma aveva presentato una denuncia al tribunale amministrativo. E ha vinto. Ha dovuto pagare le spese legali, tuttavia, perché la questione giuridica sollevata è stata classificata come „particolare“ e la compensazione delle spese legali è stata quindi rifiutata.

„Ci siamo rassegnati. Queste rassegnazioni sono la cosa peggiore che poteva capitare a noi italiani”, dice il veneziano.

Non so ancora se voterò per i Cinque Stelle alle prossime elezioni. Ma non so nemmeno per chi potrei votare al loro posto. Semmai mi arriva la cittadinanza.



© Copyright 2022 – Urheberrechtshinweis

Alle Inhalte dieser Website, insbesondere Texte, Fotografien und Grafiken, sind urheberrechtlich geschützt. Das Urheberrecht liegt, soweit nicht ausdrücklich anders gekennzeichnet, bei Petra Reski. Bitte fragen Sie mich,  falls Sie die Inhalte dieses Internetangebotes verwenden möchten. Wer gegen das Urheberrecht verstößt (z.B. Bilder oder Texte unerlaubt kopiert), macht sich gem. §§ 106 ff UrhG strafbar, wird zudem kostenpflichtig abgemahnt und muss Schadensersatz leisten (§ 97 UrhG).

Leave a comment

Your name
Your email address
Website URL
Comment